Home WINE CANTINE Cantine Paolini puntano su qualità e marketing

Cantine Paolini puntano su qualità e marketing

0
0

Le Cantine Paolini di Marsala puntano sulla qualità e sul marketing. L’ultimo Vinitaly, la 51^ edizione appena conclusa a Verona, sembra foriera di grandi risultati per le cantine marsalesi. Lo stand è stato uno dei più visitati dagli operatori del settore. La strategia dell’azienda è improntata sul principio della qualità (dal vigneto al vino in bottiglia) e sul marketing (la promozione sui mass media). Due concetti che convivono in simbiosi per portare sulla tavolo del consumatore vini di buoni e genuini, al miglior rapporto qualità-prezzo. L’azienda infatti vanta di aver accorciato ai minimi termini la filiera riuscendo a programmare e a gestire tutte le fasi, dalla produzione alla commercializzazione. “Il vino non deve essere necessariamente caro per essere buono – ha sottolineato il Presidente Gaspare Baiata -, anzi deve avere il giusto prezzo per poter essere portato tutti i giorni sulla tavola del consumatore. Le nostre terre vocate ci permettono “. Un concetto innovativo, che ben si sposa in una terra dove i vini di qualità si producono a iosa

Il vigneto Paolini è un mosaico di tremila ettari, le cui tessere si estendono nel versante orientale e meridionale dei comuni di Marsala, Trapani, Salemi e Mazara del Vallo. I nostri territori hanno un’elevata vocazione alla viticoltura che può esprimere le sue potenzialità nella manifestazione sensoriale dell’intera produzione.

Le perfette condizioni pedoclimatiche del marsalese rendono la struttura dei suoli estremamente ricca ed eterogenea: nelle vigne di mare il microclima salino marino previene lo sviluppo di muffe ed il vento inarrestabile favorisce la mitigazione delle alte temperature estive impedendo i ristagni di umidità; nelle vigne di valle la crescita della vite è favorita dalla presenza di humus e calcio che dona complessità ai vini rossi e dalla ricchezza in scheletro che conferisce aromaticità ai vini bianchi.
Le condizioni ideali dell’area di Marsala per la coltivazione delle vigne sono dovute anche dal clima tipicamente soleggiato ed estremamente ventilato. Le piogge invernali e le escursioni termiche delle notti estive permettono alle uve di maturare in modo ottimale. Queste condizioni si rivelano determinanti per definire l’elevata vocazioni con specifiche potenzialità nell’espressione sensoriale della produzione.

Le Cantine Paolini hanno una storia lunga oltre mezzo secolo che ha inizio nel 1964 a Marsala, la città più occidentale della Sicilia. In un territorio fertile per la coltura delle viti e per la cooperazione, un gruppo di lungimiranti vignaioli pensò di unire le singole forze e competenze per valorizzare i suoli più vocati e migliorare la produzione di uve in vino. Nel 1972 si è realizzata la prima vendemmia e da allora il percorso della Cantina è in continua espansione. Il centro rurale un tempo abitato dai vignaioli si trova nella contrada Paolini, da cui la Cantina prende il nome. Le origini del nome sono ancora più antiche, risalgono infatti agli inizi del ‘500 quando l’ordine monastico Paolotti si avviò alla coltivazione delle vigne negli stessi luoghi di oggi.

Quello che era il piccolo gruppo di vignaioli ora è una famiglia di 1000 membri che rappresentano il cuore pulsante della nostra attività e le cui uve giungono qui nella Cantina Paolini. Tra i più grandi della Sicilia, il vigneto si estende per 3.000 ettari sul versante orientale e meridionale dei comuni siciliani di Marsala, Trapani, Salemi e Mazara del Vallo. In queste terre dall’elevata vocazione, i mille vignaioli tramandano la loro passione per la vite da padre in figlio.

Il passato ed il presente si combinano per un roseo futuro alle Cantine Paolini

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.