Home EVENTI Cala il sipario sull’VIII edizione di Blue Sea Land si lavora di già al prossimo

Cala il sipario sull’VIII edizione di Blue Sea Land si lavora di già al prossimo

0
0

Iniziative diplomatiche e numeri da record per l’ottava edizione di Blue Sea Land a Mazara del Vallo

L’ottava edizione di Blue Sea Land verrà ricordata sicuramente per almeno due eventi di grande rilevanza: l’apertura di un nuovo canale di dialogo con il governo libico e l’invito a Blue Sea Land a partecipare all’Expo 2020 di Dubai

La partecipazione, a Mazara del Vallo, di una delegazione governativan libica, guidata dal Ministro dell’Agricoltura  Abdelbast Ghanimi, di cui facevano parte il Sottosegretario agli Esteri  Mamhud k.S. Eltellisi, l’Ambasciatore libico in Italia, Omar Tarhuni, è stata decisiva a spianare alcune divergenze fra le autorità nordafricani e la marineria mazarese, sfociare in sequestri sospetti di pescherecci in acque internazionali. Tra i partecipanti all’incontro l’assessore Regionale All’agricoltura e Pesca Edy Bandiera, il sindaco di Mazara Salvatore Quinci e il Presidente del Distretto Pesca.

L’invito di Blue Sea Land a partecipare alla prossima edizione di Expo di Dubai è stato rivolto, a Mazara, direttamente dal Vice Commissario per Italia Expo Dubai 2020, Marcello Fondi.. Nel corso dell’incontro il Vice Commissario ha svelato alcuni particolari del padiglione italiano della rassegna biennale sul cibo e sul vivere sano, la partecipazione della Regione Siciliana.

Altri risultati eccellenti sono stati conseguiti nell’ambito di Blue Sea Land 2019 sul fronte degli accordi sottoscritti con delegazioni governative del Ghana e della Costa d’Avorio, mentre con il Mozambico è stato avviato un primo interessante contatto per future relazioni.

Soddisfatto dell’ottava edizione il Presidente del Distretto Siciliano della Pesca, Nino Carlino, in chiusura di Blue Sea Land 2019, ha dichiarato: “In questa edizione abbiamo ospitato 40 delegazioni di Paesi esteri, tre dei quali, la Malaysia, le Mauritius e l’Austria, non avevano mai partecipato in passato. Abbiamo avuto il piacere e l’onore – continua Carlino – di potere avere con noi Ministri, Vice Ministri, Sottosegretari e ben 8 ambasciatori. Il Governo Italiano ha sostenuto la nostra azione, che mira ad ottenere accordi di cooperazione internazionale nel nome della Blue Economy, grazie alla presenza del Sottosegretario agli Esteri, Manlio Di Stefano, e del Sottosegretario alle Politiche Agricole e alla Pesca, Giuseppe L’Abbate. Ci sono stati ben 51 incontri B2B – ha detto inoltre il Presidente Carlino – grazie anche alla preziosa collaborazione dell’Istituto per il Commercio Estero. Le visite aziendali sono state 9 e sono stati proposti ben 23 cooking show. Ma la cosa più importante – ha concluso il Presidente del Distretto Pesca – è che siamo già in condizioni di annunciare che la prossima edizione del Blue Sea Land si terrà dall’8 all’11 ottobre del 2020, naturalmente a Mazara del Vallo”.

Pure il Sindaco, Salvatore Quinci, si è detto soddisfatto per l’esito di questa edizione del Blue Sea Land ed ha annunciato l’ingresso del suo Comune tra i soci del Distretto della Pesca, eventualmente anche con un componente nel consiglio di amministrazione. L’Assessore regionale alla Pesca, Edy Bandiera, si è complimentato con gli organizzatori dell’evento e si è detto disponibile a sostenere la presenza del Blue Sea Land a Expo Dubai 2020.  Anche il vice presidente della regione, Gaetano Armao, ha ritenuto di essere presente alla cerimonia conclusiva della manifestazione.

Blue Sea Land, come tradizione vuole, si è conclusa nella piazzetta “ribattezzata” della Pace con l’invocazione rotariana, ovvero la recita di una preghiera per la pace alla presenza dei rappresentanti delle 4 principali religioni monoteiste. Un momento particolarmente commovente che accomuna cristiani, islamici, ortodossi ed ebrei nel contesto di una piazza dove convergono gli uscì di una Chiesa e di una Moschea, dove i bambini di diverse razze, etnie e culture sperimentano in prima persona la pacifica convivenza fra i figli di diversi popoli.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.