Home RECENSIONI LOCALITA' Palermo Capitale della Cultura 2018. Sì. Ce lo meritiamo

Palermo Capitale della Cultura 2018. Sì. Ce lo meritiamo

0
0

Nelle ultime ore l’Italia ha “riscoperto” la vera essenza di Palermo. La Città capoluogo di regione, tristemente nota per mafia, disservizi e mala politica, viene premiata, ora, per quella che è, ed è sempre stata, l’indiscussa culla della civiltà del Mediterraneo. Peccato che, per far ravvedere l’opinione pubblica, sia stata necessaria la partecipazione ad un concorso nazionale.

Seppure, oggi, ci riempie di gioia l’appena ottenuto riconoscimento di Palermo a Capitale della Cultura 2018, da siciliani non possiamo che sentirci delusi dal continuo prevaricare dello stereotipo che la dipinge  come una sorta di nuova Sodoma e Gomorra. Le fitte tinte della cronaca nera hanno adulterato per sempre l’essenza di quel che è stata, e continua ad essere, la vera grande ed inimitabile Palermo. Millenni di storia, arte e cultura non possono essere messe nell’oblio dal dilagante malaffare (non tanto diverso come fenomeno a quello che imperversa in quasi tutte le grandi Città del Paese) che, qui, perchè Sicilia, si chiama con l’appellativo di Mafia. Basta aggiungere l’ipotetico collegamento alla più banale delle notizie di cronaca a cosa nostra, che si conquistano le prime pagine dei giornali, e le agenzie di stampa rilanciano il fattaccio in ambito internazionale. Palermo nell’immaginario collettivo, purtroppo, equivale a mafia, come anche la Sicilia.

Quanti danni collaterali sono stati arrecati a questa generosa terra, dimenticata per la sua posizione strategica, oscurata per le sue bellezze e per la nobiltà d’animo della sua gente, martoriata dalla cappa paura che incute la criminalità organizzata.  La colpa è della mafia quanto di chi specula su di essa. A partire da certi giornalisti che non perdono occasione per scrivere qualche riga in cronaca nera perdono l’occasione di smarrirsi fra le pagine di tomi che potrebbero scrivere su Palermo o sulla Sicilia. Non ci meritiamo così tanta denigrazione. La Sicilia, e il suo capoluogo, Palermo, meritano di più dai banali luoghi comuni. E il riconoscimento di Palermo a Capitale della Cultura 2018 va proprio in questa direzione. Ora è giunta l’ora che ognuno di noi, palermitano o siciliano che sia, riacquisti l’amore per propria terra natia e che, con coraggio, inizi ad amarla, ad esserne fiero ed orgoglioso di questa vituperata terra. A chi sostiene il contrario vogliamo ricordare che quando in Sicilia nei teatri si portavano le intramontabili opere classiche e si beveva vino, nel resto del Paese ed in Europa i barbari andavano a spasso con in caschi adorni da corna. Ritornando a Palermo, meritata Capitale della Cultura 2018, voglio aggiungere alcune righe raccolte sui social network, scritte da una palermitana che vive all’estero….

di Alberto Emilio Di Paola

 

Testo integrale dall’account facebook di Ma Dif:

“Ho commentato così la notizia ,la voglio condividere con voi 😊
I “Vu Cumprà” qui ti chiamano “Cuscì”.
Le Chiese si fondono con le Moschee e il Kebap con le panelle.
Via Maqueda è spagnola ma la abitano indiani, africani e arabi.
Via Lincoln, invece, sembra inglese ma è tutta dei cinesi.
Se giri l’angolo,
però, tra una lanterna rossa e l’altra,
trovi il Teatro dei Pupi,
un teatrino popolare e un negozio di calìa e semenza
che è la fine del mondo.
Il parcheggiatore, sotto casa mia, viene dal Bangladesh ma indossa una coppola, canta “Ciuri ciuri” e mangia cannoli.
La stanza blu, piena di iscrizioni arabe saluta, da lontano, la stanza delle ceramiche, piena di mattonelle variopinte;
un harem sconosciuto tende la mano a un vecchio quanat.
La Cappella Palatina si compiace di esser d’oro e guarda con affetto la Magione;
la Zisa si veste di giardini e schiaccia l’occhio a Villa Giulia.
La Palazzina dei Cinesi tifa per il Palermo.
Lo Spasimo non ha tetto. Solo stelle e jazz.
In compenso lo sfincionaro ha il giusto sound dentro una lapa.
Un neomelodico passa con lo stereo a tutto volume davanti il Politeama e, a Piazza Verdi, trasmettono la Boheme su un maxi schermo.
Tra le vie che portano al Massimo trovi taverne, marranzani e fiori di plastica e Casa Professa con i suoi dipinti sorge dentro un vecchio mercato popolare tra cassette di Forst e stigliola.
E’ Palermo: eternamente sospesa tra cielo e inferno.
Città di contraddizioni e coerenza, di sfarzo e miseria, di fumo e profumo.
E’ Palermo e Dio solo sa se, in quest’epoca dove si ergono muri e il filo spinato è un abbraccio negato all’umanità, Palermo non si meritava di essere Capitale Italiana della Cultura 2018.
Perché potete dire tutto della mia Palermo, ma per quanto possa presentarsi sdirrupata, mendicante e misera, questa città, elegante e nobile nell’animo, non ha mai chiuso le porte in faccia a nessuno.
Non le ha chiuse all’extracomunitario, non le ha chiuse all’islamico, non le ha chiuse né agli europei né agli americani.

Palermo Capitale della Cultura 2018.
Sì. Ce lo meritiamo.
E ogni tanto, perché no, facciamoci un applauso.

Ma Dif

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.