Diretto da Alberto Di Paola - siciliawinefood@gmail.com
Home EVENTI L’Istituto per la Dieta Mediterranea supporta Street Food Fest 2016

L’Istituto per la Dieta Mediterranea supporta Street Food Fest 2016

0
0

Anche l’Istituto per la Dieta Mediterranea (IDIMED) a supporto della rassegna gastronomica internazionale dello Street Food Fest 2016 in scena a Palermo, tra via Roma e Piazza Sant’Anna sino a Domenica 18 Dicembre.

Il “Cibo di Strada” al centro di una quattro giorni ricca di attività gastronomiche, dibattiti e degustazioni con specialità “nostrane” e internazionali, nel capoluogo siciliano già capitale europea dello street food. L’azione concreta dell’Istituto, tra i partner dell’iniziativa, mira ad arricchire di “qualità mediterranea” la rassegna con approfondimenti gastronomici incentrati sulle specificità nutrizionali e nutraceutiche degli alimenti utilizzati nel festival. Saranno inoltre allestisti momenti educativi e di conoscenza sulle eccellenze agri-food siciliane: cibi semplici, rurali, poco trasformati, che si “prendono cura del territorio e dell’ambiente” e rappresentano così i garanti di una “crescita sana e genuina”.

Non mancheranno, inoltre, momenti dedicati alla cultura, alla scienza e alle presentazioni “editoriali” a tema gastronomico: sarà infatti presentato domani 17 dicembre – in esclusiva per lo Street Food Fest – il volume “La Dieta mediterranea per tutto l’anno” (edizioni IDIMED), contenete una raccolta di menù salutistici “per tutte le stagioni”, basata sulle principali conoscenze che la ricerca  scientifica ha potuto solidamente confermare in decenni di studi clinici ed epidemiologici “sul ruolo dell’alimentazione e dello stile di vita mediterraneo”.

Una pubblicazione per tutti – commenta Francesca Cerami, Direttore Generale IDIMED – rivolta alle famiglie, ai ristoratori e agli appassionati in visita allo Street Food, che potranno sperimentare dal vivo il meglio del cibo da strada di tutto il mondo anche attraverso la conoscenza e il riconoscimento degli alimenti nostrani”. “Un occasione in cui sarà anche possibile scoprire e riscoprire – conclude Francesca Cerami – l’autentica tradizione siciliana e gli antichi profumi e i sapori di una volta, troppo spesso dimenticati”.

In occasione della rassegna internazionale anche la presentazione del libro “Verdure Spontanee di Sicilia” (edizioni IDIMED) a cura del prof. Rosario Schicchi e di Anna Geraci, che sarà illustrato e presentato dagli stessi autori, Sabato 17 Dicembre alle ore 11,00 all’interno dello “Spazio Gourmet” allestito a Piazza Sant’Anna, in occasione dell’incontro: “Dieta Mediterranea Siciliana e Street Food”. Interverranno: Bartolo Fazio (Consigliere Delegato IDIMED), Francesco Sottile (Vice-presidente Slow Food Sicilia), Pietro Pupillo (Docente Ipseoa “Pietro Piazza”), Biagio Agostara (Oncologo), Graziano Barbanti (Agronomo), Giacinto Di Bernardo (Esperto di comunicazione) e Ildegarda Campisi (Nutrizionista), Silvio Buscemi (Docente P. Giaccone, Unipa). Moderatore: Riccardo Galatioto (VideoSicilia).

Spazio alla “Dieta Mediterranea” anche Domenica 18 Dicembre alle ore 18,00 (Spazio Gourmet di Piazza Sant’Anna), all’interno del focus tematico: “Identità, cibo, salute e street food”. Protagonisti gli “Alimenti di Sicilia” con l’Olio extravergine di Oliva, i cereali, i legumi, le verdure e il pescato siciliano. Interverranno Francesca Cerami (Direttore Generale IDIMED), Dario Cartabellotta (Direttore Dipartimento Pesca Mediterranea, Regione Siciliana), Tiziano Caruso (Presidente Distretto Agro BioPesca, Unipa), Rosario Schicchi (Botanico, Unipa), Adele Traina (Nutrizionista, Comitato Esperti IDIMED), Giuseppe Di Miceli (Agronomo, Direttore Fondazione L. Mancuso) e Giacomo Perna (Presidente Ass.ne Pro.le Cuochi e Pasticceri di Palermo). Moderatore: Salvo Toscano (LiveSicilia).

Durante la quattro giorni di eventi, insieme a IDIMED anche i prodotti dell’azienda agrituristica “Feudo Pietranera” – Fondazione L. Mancuso. I prodotti biologici del “Feudo” racconto la storia delle aree più interne di Sicilia con i legumi (ceci e lenticchie), le semole ottenute dalla molitura di antico grano duro siciliano. Prodotti non solo buoni al palato ma anche sani per l’organismo.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *