Home EVENTI CONCORSI La Tonnara di San Vito prima al censimento FAI i “Luoghi del cuore”

La Tonnara di San Vito prima al censimento FAI i “Luoghi del cuore”

0
0

Con 28.373 voti sui 141mila distribuiti sui beni di tutta la Sicilia c’è la tonnara di San Vito Lo Capo, in cima alla classifica siciliana dei “Luoghi del cuore”, il censimento del Fondo per l’ambiente italiano, giunto all’ottava edizione e curato dal 2003 in collaborazione con Intesa San Paolo. La Tonnara (settima per numero di voti nella classifica nazionale) entrò in funzione nel 1412 in seguito all’autorizzazione alla pesca del tonno da parte di Ferdinando di Borbone, e oggi è un bene vincolato ma è abbandonata, non visitabile e pericolante ed è soggetta a liquidazione: il top dei voti è legato anche alla grande popolarità del sito, che è stato set della fiction “Il Commissario Montalbano” ma anche del film tv ”Cefalonia” di Riccardo Milani.

La Sicilia è quinta per numero dei voti raccolti in tutta la penisola (oltre un milione e mezzo) col censimento. “Siamo davvero sorpresi per il numero di segnalazioni che sono arrivate – commenta Giulia Miloro, presidente del Fai Sicilia – Un risultato che premia il lavoro svolto da tutte le delegazioni siciliane, da sempre impegnate nella sensibilizzazione sui temi della tutela e salvaguardia del nostro patrimonio paesaggistico, e con molta soddisfazione apprendiamo che in cima alla top ten siciliana c’è la tonnara di San Vito”.

Sul podio siciliano due siti catanesi: al secondo posto piazza Verga e la monumentale fontana dei “Malavoglia”, al terzo il secentesco Convitto Cutelli, con la corte e l’aula magna, considerato tra gli esempi più belli del Settecento. Seguono il Giardino pubblico di Caltagirone, la tomba di Antonello da Messina nella città dello Stretto, la fontana del Milite Ignoto ad Augusta, il castello di Sperlinga, il Giardino botanico di Agrigento, la chiesa rupestre del Crocifisso a Lentini, la montagna di Ganzaria a San Michele di Ganzaria, la chiesa di Santa Maria Maddalena a Ciminna, il santuario di Maria Santissima di Gulfi a Chiaramonte Gulfi, la chiesa Madre di Santa Venera a Santa Venerina, la Torre Bagari a Lascari, il Castello Pentefur a Savoca, la spiaggia Randello a Ragusa, il fiume Oreto a Palermo, il Bastione degli Infetti a Catania, il quartiere Arabite a San Piero Patti, la riserva dello Zingaro.

fonte: repubblica.it

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *